In occasione del Congresso sulla Missione dell’Ordine, che si è tenuto all’Angelicum dal 17 al 21 Gennaio 2017, seguito dalla messa conclusiva del Giubileo presieduta da Papa Francesco, la casa di Via degli Artisti è stata chiamata ad “allargare la sua tenda”. Per alcuni giorni sorelle di diverse nazionalità (francese, inglese, tedesca, zimbabwana, giapponese) e di diverse Congregazioni e comunità domenicane (compreso il monastero di Prouilhe) hanno arricchito il va e vieni multicolore già tipico della casa!
La nostra Hna Viviana S. ha partecipato al Congresso a nome di tutte noi e condivide alcune idee-forti:

“El diálogo entre la experiencia y la teología es nuestro servicio a la Iglesia ... Somos predicadores de la paz y de la comunión"
(Padre Bruno Cadoré, Maestro de la Orden)
"Para seguir hablando con Dios y de Dios en un mundo violento se requiere de dos pulmones: la profecía y la mística"
(P. Carlos Mendoza Alvarez, Mexico)
“La humanidad es nuestro Evangelio ... todos los hombres son un Evangelio para nosotros. El otro no es alguien a quien temer, es quien me puede dar algo muy valioso, el Evangelio de su vida .... unas de las tareas de la Orden podría consistir en “enseñar a la gente a leer esos libros humanos"".
(Hna Hieslmayr, Austria)

La documentazione del Congresso e i video di alcune conferenze e della Messa conclusiva sono accessibili sul sito dell’Ordine www.op.org

Alcune sorelle accolte a Via degli Artisti ci offrono una piccolo testimonianza:
Very moving and humbling to find oneself part of this huge assembly of men and women of God. Inspiring and comforting to be made so aware of Jesus, God, as the Centre and Mover of it all. Enjoyable to make new friends from all over the world... a foretaste of Heaven!” (Sr Valery, Dominican Sisters of Saint Catherine of Siena - Stone)

“Our reception at Santa Sabina was like home coming. We were welcomed with open arms, made to feel at home.... The sisters at the convent where we stayed were so loving and caring. It was like visiting our own sisters.
At the Congress, I heard brothers and sisters sharing their own experiences, their stories and encounters with the people of God. We have been challenged to live the Gospel. Our encounter with each-other in the community and with the people of God must speak for themselves of the Love and Mercy of God. I go back strengthened and challenged to live authentically in my community and filled with gratitude for having experienced Dominican joy and Hospitality”
(Sr Tariro Chimanyiwa, of the Dominican Missionary Sisters)

"Vivre la clôture du Jubilé à Rome ... un cadeau extraordinaire.
Après avoir accueilli tant de sœurs, de frères et des laïcs op tout au long de cette année jubilaire à Prouilhe, me voici accueillie moi-même au cœur de l'Eglise, dans ce lieu de confirmation de l'Ordre par le Pape.
Recevoir au plus profond de moi cette confirmation de ma propre vocation qui m'envoie au service de l'Ordre et de l'Eglise sur des chemins que je n'aurais pas imaginés ...
Un merci profond à nos sœurs dont l'accueil nous permet de vivre ce don qui nous est fait"
(Sr Geneviève-Emmanuel, monastrère de Prouilhe)

Infine Sr Lillian O., della comunità:
“Ogni evento porta con sé le sue aspettative. Tuttavia, come comunità, abbiamo vissuto questo momento con serenità, in comunione, rinnovando la fraternità e testimoniando nelle piccole cose per servire le nostre visitatrici.
Davvero è stato un momento pieno di gioia e vita, nella condivisione, nell’incoraggiamento, nella forza.
Sono stata felice e ancora sono lieta di aver partecipare alla celebrazione conclusiva e di aver proclamato un’intenzione di preghiera nel mio dialetto. Ho vissuto questa occasione come un momento di grazia e ringrazio l’Onnipotente, insieme alla la mia comunità, per avermi dato questa possibilità di partecipare.”

 

Salva Stampa Esci Home